Proroga dei termini per l’approvazione del bilancio 2019

L’art. 106 del Decreto Legge n. 18 del  17 marzo 2020, meglio conosciuto come Decreto Cura Italia, ha stabilito delle proroghe nelle approvazioni di bilancio. Nello specifico:

  • la proroga dei termini per l’approvazione del bilancio relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, con l’assemblea che può essere convocata entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio, vale a dire entro il prossimo 28 giugno 2020, che, tra l’altro, viene a cadere di domenica, e questa particolare circostanza deve essere tenuta presente;
  • di adottare un elenco di regole allo scopo di poter concretamente agevolare lo svolgimento delle assemblee, indipendentemente dagli argomenti posti all’ordine del giorno.

Per quanto riguarda il primo punto, la News Legislativa Assonime pubblicata il 18 marzo  2020 evidenzia quanto di seguito indicato:

  • l’utilizzazione del termine più esteso si possa prospettare solamente quale eventuale possibilità, di conseguenza le società possono tenere l’assemblea nella data ritenuta più appropriata in considerazione delle proprie necessità, quali ad esempio il pagamento dei dividendi oppure l’attuazione di decisioni aggiuntive rispetto all’approvazione del bilancio;
  • la decisione dell’utilizzazione del suddetto maggior termine non deve essere motivata da parte della società;
  • il maggior termine dovrebbe essere correlato alla data della prima convocazione dell’assemblea.

Relativamente al secondo punto viene decretato, tra l’altro, che, tramite l’avviso di convocazione delle assemblee, le società possono informare, anche derogando alle diverse norme statutarie:

  • della possibilità di poter effettuare l’espressione del voto in via elettronica oppure per corrispondenza;
  • della possibilità di poter effettuare l’intervento all’assemblea attraverso l’utilizzo di mezzi di telecomunicazione.

Inoltre l’assemblea può svolgersi anche unicamente attraverso l’utilizzazione di mezzi di telecomunicazione.

I termini dell’assemblea per l’approvazione del bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019

L’art. 106, comma 1, del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 in primo luogo dispone, in via generale, che, derogando a quanto stabilito dall’art. 2364, comma 2, del Codice Civile, per le società per azioni e le società in accomandita per azioni, e dall’art. 2478-bis, comma 1, del  Codice Civile, per le società a responsabilità limitata, o derogando anche alle diverse norme statutarie, l’assemblea ordinaria viene convocata entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio, ovvero entro il prossimo 28 giugno 2020, che, tra l’altro, viene a cadere di domenica, e questa particolare circostanza deve essere tenuta presente.

E’ da tenere in considerazione che l’utilizzazione del termine più esteso si possa prospettare solamente quale eventuale possibilità.

Di conseguenza le società possono tenere l’assemblea nella data ritenuta più appropriata in considerazione delle proprie necessità, quali ad esempio:

  • il pagamento dei dividendi;
  • l’attuazione di decisioni aggiuntive rispetto all’approvazione del bilancio.

In ogni caso la decisione dell’utilizzazione del suddetto maggior termine non deve essere motivata da parte della società.

Inoltre, il maggior termine dovrebbe essere correlato alla data della prima convocazione dell’assemblea, come evidenziato dalla News Legislativa Assonime pubblicata il 18 marzo  2020.

Il prospetto successivo riassume i termini degli adempimenti collegati alla procedura di approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, a seguito della deroga stabilita dall’art. 106 del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020, avendo quale riferimento l’ipotesi in cui l’assemblea di approvazione venga tenuta, in prima convocazione, in data 28 giugno 2020.

Tipologia adempimentoScadenza ordinariamente previstaTermine massimo per esercizi chiusi al 31 dicembre 2019
Redazione del progetto
di bilancio da parte
degli Amministratori
Almeno 30 giorni
prima di quello fissato
per l’assemblea che deve discuterlo
29 maggio 2020
Redazione della Relazione
sulla gestione da parte
degli Amministratori
Almeno 30 giorni
prima di quello fissato
per l’assemblea che deve discuterlo
29 maggio 2020
Consegna del progetto
di bilancio e della Relazione
al Collegio Sindacale
Almeno 30 giorni
prima di quello fissato
per l’assemblea che deve discuterlo
29 maggio 2020
Consegna del progetto
di bilancio e della Relazione
al Revisore (se presente)
Almeno 30 giorni
prima di quello fissato
per l’assemblea che deve discuterlo
29 maggio 2020
Deposito del bilancio, degli allegati, delle Relazioni di Amministratori, Collegio Sindacale e Revisore (se presente) presso la sede socialeDurante i 15 giorni che
precedono l’assemblea
e fino all’approvazione
12 giugno 2020
Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale oppure su un quotidiano dell’avviso di convocazione dell’assembleaAlmeno 15 giorni
prima di quello fissato
per l’assemblea
13 giugno 2020
Convocazione dell’assemblea mediante altri mezziRicevimento della convocazione almeno 8 giorni prima dell’assemblea (nelle s.r.l. la raccomandata deve
essere spedita ai soci almeno 8 giorni prima dell’adunanza)
20 giugno 2020
Assemblea per l’approvazione del bilancio (o riunione del Consiglio di sorveglianza)Entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale
(entro 180 giorni in caso di proroga)
28 giugno 2020
Se contenente anche la delibera di distribuzione di utili, registrazione del verbale di approvazione bilancio presso l’Agenzia delle EntrateEntro 20 giorni dalla
data di approvazione
del bilancio
20 luglio 2020
Deposito del bilancio e degli allegati presso il Registro delle impreseEntro 30 giorni dalla data
di approvazione del bilancio
28 luglio 2020
Annotazione e sottoscrizione del bilancio nel libro degli inventariEntro 3 mesi dal termine
di presentazione della
dichiarazione dei redditi
28 febbraio 2021

Le semplificazioni delle procedure per la tenuta delle assemblee

L’art. 106, comma 2, del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 dispone, sempre in via generale, che, attraverso l’avviso di convocazione delle assemblee, sia ordinarie che straordinarie, le società per azioni, le società in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative e le mutue assicuratrici possono introdurre, sebbene non siano vincolate a farlo, anche derogando alle diverse norme statutarie:

  • la possibilità di poter effettuare l’espressione del voto in via elettronica oppure per corrispondenza;
  • la possibilità di poter effettuare l’intervento all’assemblea attraverso l’utilizzo di mezzi di telecomunicazione.

Oltre a ciò tutte le tipologie di società sopra nominate possono programmare che l’assemblea possa essere tenuta, anche unicamente, attraverso l’utilizzo di mezzi di telecomunicazione che diano garanzia circa l’identificazione dei partecipanti, della loro partecipazione e dell’esercizio del diritto di voto, ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dall’art. 2370, comma 4, dall’art. 2479-bis, comma 4, e dall’art. 2538, comma 6, del Codice Civile, in ogni caso, senza che sia indispensabile che siano presenti nello stesso luogo il presidente, il segretario oppure il notaio, nell’ipotesi in cui quest’ultimo sia previsto.

Bilancio esercizio

Le regole stabilite per le società a responsabilità limitata

Come indicato dall’art. 106, comma 3, del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020, con specifico riferimento alle società a responsabilità limitata si deve tenere in considerazione la caratteristica che autorizza tali società all’espressione del voto tramite consultazione scritta oppure tramite consenso espresso per iscritto, evidenziando come questa procedura operativa possa essere sempre impiegata, anche derogando ai limiti fissati dall’art. 2479, comma 4, del Codice Civile ed alle diverse norme statutarie.

Di conseguenza, le suddette procedure possono essere impiegate anche nei casi in cui:

  • non siano previste dall’atto costitutivo e dallo statuto sociale;
  • la delibera sia relativa a modifiche dell’atto costitutivo oppure delibere riguardanti  operazioni che vadano a comportare una fondamentale modifica dell’oggetto sociale oppure una importante modifica dei diritti dei soci oppure perdite del capitale superiori ad un terzo;
  • venga effettuata una richiesta di utilizzazione della delibera dell’assemblea da parte di amministratori oppure di un numero qualificato di soci, come evidenziato dalla News Legislativa Assonime pubblicata il 18 marzo 2020.

Le regole stabilite per le società per azioni quotate

Delle regole aggiuntive sono stabilite per quanto riguarda:

  • le società per azioni quotate;
  • le società ammesse alla negoziazione su un sistema multilaterale di negoziazione;
  • le società con azioni diffuse fra il pubblico in misura rilevante;
  • le banche popolari;
  • le banche di credito cooperativo;
  • le società cooperative;
  • le mutue assicuratrici;
  • le società a controllo pubblico.

Nello specifico si è orientati a facilitare l’utilizzazione delle deleghe di voto.

La valenza limitata nel tempo delle nuove disposizioni

Si deve tenere in considerazione che le menzionate disposizioni del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 sono destinate ad avere un ambito temporale di validità.

Le norme fissate dall’art. 106, comma 7, del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020, vengono applicate alle assemblee, sia ordinarie che straordinarie, convocate entro il 31 luglio 2020 o in ogni caso, se posteriore, entro la data fino alla quale rimarrà vigente lo stato di emergenza riguardante il rischio sanitario collegato allo svilupparsi della pandemia da Covid-19. In conseguenza di quanto sopra, al momento attuale,queste previsioni dovrebbero avere valenza anche per le assemblee di approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2019 le quali, in prima convocazione, non dovessero conseguire i previsti quorum costitutivi e che dovrebbero essere nuovamente convocate entro 30 giorni dalla data della prima convocazione.

   

Paolo Chiari
Commercialista – Revisore Contabile
paolo.chiari@studiochiari.com

You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un Commento