Costi chilometrici veicoli aziendali, pubblicate le tabelle ACI per il 2020

L’Agenzia delle Entrate, con il Comunicato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, Serie generale n. 305, Supplemento Ordinario n. 47, di martedì 31 dicembre 2019, ha diffuso le tabelle elaborate dall’Automobile Club Italia (ACI) con i costi chilometrici di esercizio per l’anno 2020 (qui le tabelle ACI del 2019) di autoveicoli, motocicli, microcar e ciclomotori, in base a quanto previsto dall’articolo 3, comma 1, Decreto Legislativo n. 314 del 2 settembre 1997.

Le tabelle si riferiscono alle categorie di veicoli di seguito indicate:

  • autoveicoli a benzina, in produzione;
  • autoveicoli a gasolio, in produzione;
  • autoveicoli a benzina-gpl, benzina-metano o metano esclusivo;
  • autoveicoli elettrici, ibridi e ibridi plug-in, in produzione
  • autoveicoli a benzina, fuori produzione.
  • autoveicoli a gasolio, fuori produzione;
  • autoveicoli a benzina-gpl, benzina-metano e metano esclusivo, fuori produzione;
  • autoveicoli elettrici, ibridi e ibridi plug-in, fuori produzione;
  • motoveicoli, ciclomotori, microcar.

La suddivisione per alimentazione, marca e modello

Le tabelle dei costi chilometrici, che risultano suddivise per tipo di alimentazione, marca e modello, sono indispensabili sia per poter conteggiare l’importo dei rimborsi spettanti ai dipendenti, ai collaboratori od ai professionisti che utilizzano il proprio veicolo svolgendo attività a favore del datore di lavoro che per poter effettuare il calcolo del fringe-benefit, ossia della retribuzione in natura derivante dalla concessione in uso ai dipendenti dei veicoli aziendali che vengono utilizzati ad uso promiscuo sia per esigenze di lavoro che per esigenze personali, che i dipendenti stessi devono poi indicare nella propria dichiarazione dei redditi.

In base a quanto fissato dalla Legge di Bilancio 2020, che modifica la tassazione sulle auto aziendali, le tabelle risultano sdoppiate, le prime riportano i valori per il fringe benefit valevoli fino al 30 giugno 2020 mentre le seconde riportano i valori del fringe benefit valevoli con decorrenza dal 1 luglio 2020 in poi.

Auto aziendali costi chilometrici 2020

Cosa cambia nei costi chilometrici dal 1 luglio 2020

In pratica dal 1 luglio 2020 il conteggio risulterà differente, per i contratti stipulati dal 1 luglio 2020 entreranno in vigore le nuove regole di tassazione delle auto aziendali concesse in uso promiscuo, che andranno a penalizzare i veicoli maggiormente inquinanti.

Di conseguenza la deducibilità dei costi sostenuti per i veicoli aziendali sarà differenziata in base ai valori di emissione di anidride carbonica, e con l’aumentare delle emissioni andrà ad aumentare anche il reddito da lavoro e perciò l’imposta dovuta. In pratica, le tabelle valevoli nei primi sei mesi indicano solamente il valore del fringe benefit calcolato sul 30% del totale, mentre quelle valevoli nella seconda metà dell’anno indicano i valori del fringe benefit calcolato sul 25%, sul 30%, sul 40% e sul 50% del totale.

Per ambedue i periodi le tabelle ACI 2020 riportano i costi chilometrici di esercizio dei veicoli ad uso promiscuo suddivisi in base alla tipologia di alimentazione. Si ricorda che le tabelle ACI del benefit veicoli vengono elaborate sulla base di una percorrenza annuale di 15.000 chilometri, che risulta quella prevista dalla normativa fiscale per il computo del reddito da riportare in busta paga. Il fringe benefit annuale, indicato nell’ultima colonna a destra, oppure nelle ultime quattro colonne di destra, è ottenuto moltiplicando il costo al chilometro del veicolo interessato per 15.000 e conteggiando poi le sopra indicate percentuali del risultato, percentuali che la normativa fiscale attribuisce all’uso privato da parte del dipendente.

Come determinare i valori relativi ad ogni veicolo

E’ possibile determinare i valori relativi ad ogni singolo veicolo, selezionando i parametri di seguito indicati:

  • categoria di veicoli (autovetture, fuoristrada, autofurgoni, motocicli, ciclomotori, microcar);
  • elenco marche e modelli;
  • alimentazione (benzina, gasolio, gpl, metano, ibrida, elettrica);
  • veicoli in produzione e fuori produzione.

Nell’ipotesi in cui il veicolo sia un nuovo modello, non riportato nelle tabelle dei costi chilometrici, l’importo dovrà essere calcolato prendendo come riferimento quello che per tutte le sue caratteristiche risulti essere più similare al veicolo in questione. Accedendo al sito dell’ACI, all’indirizzo internet www.aci.it c’è la possibilità di eseguire il conteggio direttamente online.

   

Paolo Chiari
Commercialista – Revisore Contabile
paolo.chiari@studiochiari.com

You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un Commento