Esistono investimenti sicuri al 100% ?

Sono in molti, soprattutto tra i piccoli risparmiatori, a porsi continuamente questo interrogativo, andando alla ricerca di porti sicuri su cui allocare i propri risparmi.

Investimenti risparmio famiglieLa risposta a questo dilemma è racchiusa nella stessa definizione di investimento. Investire vuol dire privarsi temporaneamente della disponibilità di risorse per ottenere, dato un certo livello di rischio e dopo un determinato intervallo di tempo, un rendimento che può esser positivo o negativo. 

Investire vuol dire quindi anche rischiare, per cui in altre parole non esistono possibilità di allocare il proprio risparmio in totale sicurezza. Per molti anni, i risparmiatori italiani ritenevano che acquistare Bot o Btp, li mettesse al completo riparo dai rischi, e nel contempo consentisse di coprire il capitale dall’incremento del livello dei prezzi (inflazione).

Durante gli ultimi mesi dello scorso anno, il debito italiano è stato al centro della speculazione finanziaria, tanto da portare lo spread, ovvero il differenziare di rendimento tra i Btp italiani e i corrispondenti titoli tedeschi su livelli record. Molti risparmiatori allora, travolti dalla tempesta mediatica, hanno svenduto i propri titoli di Stato in portafoglio capitalizzando le perdite.

E’ fondamentale quindi che l’investitore sia consapevole, per una duplice valenza: da un lato perché consente una stima del rapporto rischio/rendimento quindi giungere ad una valutazione sulla congruità dell’investimento; dall’altro affinché si scongiuri quanto avvenuto nel caso dei Btp italiani, dando all’investitore le giuste conoscenze per dominare fasi ad alta volatilità dei mercati, che tendono a sottostimare o sovrastimare il rischio associato ai singoli strumenti finanziari.

Allora come comportarsi per gestire in maniera adeguata i propri risparmi? Il “fai da te” in ambito finanziario è una tecnica molto diffusa in Italia, che porta spesso a colossali perdite per gli investitori. L’errore comune è quello di farsi entusiasmare da quelli che apparentemente possono esser dei facili guadagni, senza considerare i rischi ad essi associati.

Educazione finanziariaL’educazione finanziaria è quindi il primo passo da compiere, per cui possiamo sintetizzare dicendo che prima di tutto bisogna investire sulle proprie conoscenze.

Prima di elencare le macroaree di investimento, introduciamo il concetto di asset allocation. Si tratta semplicemente della costruzione del portafoglio suddiviso tra le diverse asset class (che sono appunto le macroaree che vedremo).

Recenti studi hanno evidenziato con chiarezza che a determinare il successo o insuccesso di una strategia di investimento, non è la scelta del singolo titolo azionario o obbligazionario, ma la capacità dell’investitore di allocare il risparmio tra le diverse asset class.

Quali sono le asset class su cui investire? La risposta sarà contenuta nel prossimo articolo

Come e dove investire? Il portafoglio d’investimento

Puoi lasciare un commento, o trackback dal tuo sito.

Lascia un Commento