Borse in rialzo, Bersani sfida tutti con programma Italia in 8 punti

Tassi europa Mario DraghiGiornata di moderato rialzo per Piazza Affari che in attesa dell’evoluzione politica italiana registra un frazionale rialzo dello 0,30%.

L’indice Ftse Mib di Milano sale cosi a 15.947,17 con lo spread che scende sensibilmente rispetto ai massimi degli ultimi giorni.

Mario Draghi oggi ha parlato dopo l’ultimo vertice Bce in cui è stato deciso di confermare il tasso bancario europeo allo 0,75%. L’ex numero uno di Bankitalia ha dichiarato di attendersi un inizio di ripresa nel corso dell’anno in corso con la politica monetaria che rimarrà espansiva nonostante i rischi inflazionistici.

I rischi in realtà sono al ribasso, considerando che da quanto si apprende alcuni membri del board non sarebbero stati d’accordo a confermare i tassi ma avrebbero voluti abbassarli ulteriormente di uno 0,25%.

Immediata la reazione dell’euro che segna un rialzo di oltre 1 punto percentuale attestandosi sopra quota 1,31.

E’ la situazione italiana il vero catalyst di mercato. Si sta attendendo con trepidazione l’esito della trattativa tra Pier Luigi Bersani e Beppe Grillo, anche se il leader assoluto del Movimento 5 Stelle continua a dichiarare di non voler fare alcun inciucio e di credere che Pd e Pdl alla fine formeranno un governissimo.

Programma Italia BersaniBersani sottolinea che il 15 marzo farà una proposta per la governabilità del Paese perché è suo dovere visto che ha raggiunto la maggioranza assoluta sia alla Camera che al Senato ribadendo che :”In altri sistemi elettorali ci sarebbe la governabilità ma nel nostro balordo sistema elettorale questo non è consentito”.

La strategia del leader di centro sinistra è piuttosto aggressiva, decidendo di mettere in rete la propria proposta per il Paese come un atto di responsabilità da portar necessariamente a termine. Sarà un programma formato da 8 proposte precise mirate a decretare un vero e proprio cambiamento nel Paese, che ha bisogno di voltare pagina.

Poi richiama le parole del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi che ha sottolineato le serie difficoltà vissute dal Paese, e la recessione drammatica che la sta travolgendo e che rappresenta un problema sociale che si aggrava nel corso del tempo. Il numero uno dell’associazione degli industriali richiama alla responsabilità la politica.

Bersani poi esclude la possibilità di un accordo con il Pdl sottolineando che non è presentabile, alla luce di quanto successo in questi anni.

Puoi lasciare un commento, o trackback dal tuo sito.

Lascia un Commento