Come scegliere la miglior polizza per la casa

Quando si valuta una polizza per la casa, obbligatoria o meno che sia, non è mai un’operazione semplice e richiede la valutazione di una serie di informazioni al fine di capire quale è il prodotto migliore che offre il mercato.

I fattori che determinano la scelta della polizza per la casa

Dato che esistono un’infinità di coperture per la casa come quelle che si possono trovare su http://www.polizzecasa.net/, è bene informarsi in modo attento su ciò che prevede il contratto per scegliere la polizza che più si adatta alle nostre esigenze.

Il primo errore da evitare assolutamente è quello di provare a risparmiare rinunciando a quelle coperture che invece sono di primaria importanza. È meglio spendere altro tempo per ricercare la combinazione migliore tra garanzie complete e prezzo. Per capire come confrontarle non c’è che da valutare quello che serve ed il budget a disposizione.

La prima cosa da fare è invece valutare le caratteristiche principali della propria casa e del luogo in cui sorge. Ha tubature vecchie? Si trova a portata di mano dei ladri? Vi sono custoditi degli oggetti antichi o di valore? C’è poi da considerare se l’abitazione è inserita in un condominio o si tratta di una villetta indipendente, se è abitata sempre oppure occasionalmente.

Assicurazioni per la casa

I rischi da valutare per le coperture assicurative

Un altro rischio da valutare è dato dal vicinato, sia relativamente ai rischi che può provocare ma anche in base a quelli che potremmo provocare noi. Se esistono dubbi relativi a questioni di proprietà o vi sono delle controversie, allora una garanzia per la tutela legale potrebbe rivelarsi davvero preziosa per affrontare con serenità qualsiasi evento si possa presentare.

C’è da sapere che le assicurazioni casa, in caso di danni, provvedono a stabilire le cause attraverso una perizia. Se da questa emerge che i danni sono causati da colpa o dolo del proprietario di casa o del convivente, non ci sarà nessun risarcimento. Anche in caso di negligenza, come lasciare sigarette accese o le chiavi sulla porta di casa, non vi sarà alcuna copertura da parte della compagnia assicurativa.

Se abbiamo scelto una polizza per la casa che copre i danni all’immobile e alle sue mura, non potremo certo aspettarci un risarcimento per danni al contenuto della casa, a meno che non sia stato specificato nel contratto. L’importante è quindi valutare con estrema attenzione le condizioni ed i termini del contratto, perché sono gli elementi che definiscono la polizza.

Alcune nozioni fondamentali quando si sottoscrive una polizza

L’indennizzo altro non è che la somma che l’assicurazione riconosce a chi stipula la polizza quando si verifica il danno. Il massimale è invece la cifra massima che la compagnia esborsa in caso di danno specifico previsto dalla polizza, mentre la franchigia è la parte di danno che resta a carico dell’assicurato. Se i danni sono inferiori alla franchigia, non saranno risarciti. Infine esiste il premio che corrisponde al costo della polizza. Il suo pagamento può essere annuale oppure frazionabile.

   

Redazione Economiapertutti.com
info@economiapertutti.com

You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un Commento