rss economia
Home >> Rubriche >> Fitch vede forte l'economia Stati Uniti e conferma la tripla A

Fitch vede forte l'economia Stati Uniti e conferma la tripla A

01/LUG/2013 ore 03:01 Rubriche 0 Commenti Lorenzo Sentino

Ratings Stati UnitiDopo il burrascoso andamento dei mercati finanziari delle ultime settimane, seguito all’annuncio da parte del presidente della Federal Reserve Ben Bernanke di ridurre gli stimoli all’economia americana, Fitch riporta il sereno confermando la tripla A al debito degli States.

Negli ultimi mesi l’economia americana ha registrato importanti passi in avanti, anche nei settori che erano rimasti maggiormente coinvolti dalla crisi come l’immobiliare ed il mercato del lavoro. La congiuntura economia è in netta ripresa, questo nonostante sia in corso il fiscal cliff. Proprio la crescità più vigorosa aveva portatola Fed a rivedere la propria politica, finora però soltanto nelle parole.

Tornando all’economia a stelle e strisce, nel report sul rating, Fitch annuncia che gli Stati Uniti traggono beneficio dallo status di valuta di riserva del dollaro. Nonostante tutto l’outlook di mercato rimane negativo, anche per via di misure di riduzione del deficit che con ogni probabilità verranno messe in campo nei prossimi mesi.

Il Paese è stato messo a dura prova dalla crisi finanziaria del 2008, e per mantenere la crescita ha dovuto mettere in campo misure pesanti, che hanno finito per far lievitare sensibilmente il proprio debito. L’agenzia di rating annuncia poi che potrebbe rivedere il rating a fine 2013, un anno a suo dire determinante per l’economia americana.

Di sicuro, da qui alla fine dell’anno potrebbero cambiare molte cose, come l’annuncio di una riduzione degli stimoli al Quantitative Easing 3, e ulteriori tagli alla spesa pubblica. In tal caso è davvero imprevedibile la reazione che possano avere i mercati e la fiducia dei consumatori.

Riduzione Quantitative Easing 3Per quanto riguarda le stime di crescita, la Fed prevede un Pil al 2,8 il prossimo anno, e con una crescita media del 3% nei tre anni successivi. Questo allo stato attuale, ma ci sono potenziali rischi che potrebbero condizionarne l’andamento da qui ai prossimi anni.
Nel breve periodo il Congresso potrebbe aver necessità di incrementare nuovamente il tetto del debito. Settembre dovrebbe essere il mese decisivo in tal senso, in caso di difficoltà l’economia Usa potrebbe accusarne il colpo ed in tal caso Fitch sottolinea che avvierebbe una revisione immediata del rating che si tradurrebbe con ogni probabilità di downgrade.

Intanto Fitch ha anche annunciato la revisione del rating dell’Ucraina, il cui outlook passa a negativo da stabile a causa della situazione finanziaria precaria in cui versa il Paese, che ha richiesto aiuti al fondo monetario internazionale per 9 miliardi di euro.

Commenti

Nessun commento per questo articolo

Lascia un commento

* campo obbligatorio
Nome*:
E-mail*:
Sito:
Testo*: