rss economia
Home >> Imprese E Aziende >> Dopo l'IMU ecco la TARES: stangata in arrivo per le imprese

Dopo l'IMU ecco la TARES: stangata in arrivo per le imprese

08/APR/2013 ore 13:35 Imprese E Aziende 0 Commenti Angelo Ferraro

Tares imposta rifiutiPeriodo difficile per le imprese italiane che in un anno di dura recessione si trovano a fronteggiare il forte rincaro delle tasse imposto dal governo. In più articoli abbiamo trattato il tema IMU, che oltre ad aver impoverito i bilanci familiari ha avuto un impatto molto forte anche sulle imprese.

Questa volta è la Tares a preoccupare gli imprenditori. Nel Consiglio dei Ministri di sabato, in cui è stato deciso di sbloccare i crediti vantati dalle imprese verso la PA, è stato deciso di postergare il rincaro di 0,30 euro per metro quadro all’ultima rata di dicembre.

La palla passa in  mano ai comuni, che entro 30 giorni dal versamento dovranno deliberare il numero delle rate e delle relative scadenze a cui assoggettare il pagamento dell’imposta. In ogni caso secondo le stime degli esperti, la nuova imposta sui rifiuti sarà più casa rispetto alla vecchia TARSU.

 Il Sole24Ore fa sapere che “per una famiglia che viveva in un comune in cui la tassa sui rifiuti copriva l’80% del costo del servizio, la rata che verrà pagata a dicembre sarà quasi del doppio rispetto a quella attuale”.

Decreto Salva Italia MontiPrevista quindi una maxistangata a dicembre, ed è improbabile considerando l’attuale clima di austerity che il nuovo esecutivo decida di intervenire sull’imposta, che era inserita nel decreto Salva Italia approvato da Mario Monti nel primo consiglio dei ministri del suo insediamento.

La principale rivista economica italiana ribadisce che i rincari forti si avrebbero soprattutto per i piccoli esercizi commerciali.

Secondo uno studio pubblicato da Confcommercio ad esempio un ristorante di 200 metri quadrati, ipotizzando un pagamento in tre rate, pagherebbe 267,6 euro nei mesi di maggio e settembre, ma poi vedrebbe un super salasso nel mese di dicembre, con un aggravio di 4200 euro.

Si tratta quindi di qualcosa che diventa imparagonabile rispetto a quanto si pagava prima, con un impatto maggiorato di 10, 20 volte.

Commenti

Nessun commento per questo articolo

Lascia un commento

* campo obbligatorio
Nome*:
E-mail*:
Sito:
Testo*: