rss economia
Home >> Guide Investimenti >> Le funzioni dell'oro

Le funzioni dell'oro

27/OTT/2017 ore 17:38 Guide Investimenti 0 Commenti Paolo Chiari

Le funzioni dell’oro

L’oro ha essenzialmente 3 funzioni: monetaria, d’investimento e di consumo:

Grafico funzioni oroFonte: Italpreziosi.it

Grazie alle sue caratteristiche di trasportabilità, inattaccabilità, divisibilità, riconoscibilità istantanea e fungibilità, l’oro è stato preferito ad altri metalli per essere trasformato in moneta. Il primo utilizzo di moneta d’oro è assegnato ai cinesi, mentre in occidente risale circa al VII° secolo a.C. al tempo di re Croeus di Lydia (la moderna Turchia occidentale). La funzione di riserva si compie nel momento in cui l’oro viene impiegato come attività finanziaria, che conserva il suo valore nel tempo. Per le banche centrali le riserve di oro hanno una funzione di garanzia a fronte di emissione di monete e debiti, oltre che una funzione di riserva in caso di gravissime esigenze.

Invece i soggetti privati detengono oro a scopo d’investimento a medio/lungo termine con l’obbiettivo di tutelarsi dalle svalutazioni e da insicurezze economiche e politiche. L’oro, oltre a tutto, dà all’investitore sicurezza e solidità, il suo valore è universale e agevolmente realizzabile in qualunque momento. Le transazioni speculative di oro non fisico (oro finanziario o cartaceo ed i prodotti derivati) si hanno nel momento in cui si cerca di conseguire un utile dalle variazioni del prezzo del metallo. In ogni caso i produttori di oro e coloro che lo lavorano utilizzano i derivati anche per motivi di copertura dei rischi.

La terza funzione dell’oro è quella di bene di consumo per uso industriale, in gioielleria o nelle tecnologie elettroniche e medicali. La gioielleria ha una funzione di investimento (secondo i paesi ed i periodi storici) e di consumo che concede oltretutto a chi la possiede il piacere di indossarla e dello “status symbol”. L’impiego in elettronica è dovuto alle sue caratteristiche di buon conduttore di elettricità. Grazie alla sua resistenza e atossicità viene usato nel campo medico principalmente in protesica e odontoiatria.

Investire in oro

Investire in oro non è più riservato solamente agli investitori istituzionali o alle banche centrali, ormai anche i privati scelgono di investire in oro per speculare sul prezzo, o per proteggere dall'inflazione i propri risparmi. La maggior parte di chi è interessato a investire in oro per proteggere il proprio capitale, sceglie però di investire in oro fisico, soprattutto sotto forma di lingotti.

I lingotti d’oro possono essere di diverse dimensioni e peso; quelli relativamente con il prezzo più alto sono i lingotti da un grammo, che possono arrivare a costare il doppio rispetto al valore effettivo in oro e non costituiscono pertanto un mezzo efficace di investimento. I lingotti relativamente più convenienti sono i lingotti che rispondono allo standard Good delivery: sono i lingotti da investimento per antonomasia, e sono quelli scambiati nel mercato professionale dell’oro di Londra.

E’ interessante venire a conoscenza che anche gli investimenti in oro fisico non sono tutti uguali. La discriminante che un privato che ci accinge a scegliere un’azienda con la quale operare il proprio investimento in oro fisico dovrebbe considerare, è che l’oro che acquista deve essere oro fisico allocato.

Investimenti allocati e fisici oro

Soltanto un investimento in oro fisico allocato può dare le garanzie di sicurezza che chi sceglie di investire in oro sta cercando. L’oro fisico allocato da infatti pieno possesso dell’oro che sottende l’investimento: non si diventa creditori di un’azienda o una banca, ma semplicemente proprietari di diritto di un determinato quantitativo d’oro.

Circa il 95% del business legato agli investimenti in oro fisico tratta in realtà oro fisico non allocato. L’oro non allocato è un conto paragonabile a un conto corrente bancario: si diventa creditori (non proprietari) di un bene, e l’istituzione che ha emesso il credito ha diritto di utilizzare il bene per il proprio vantaggio. Un investimento in oro fisico non allocato lascia quindi esposti al rischio di insolvibilità dell’istituzione che ha emesso il credito (una banca, o altra istituzione finanziaria), cosa che va contro il fine ultimo della maggior parte degli investimenti in oro fisico, ovvero la sicurezza di avere un investimento che è privo di rischi se non quello legato al prezzo corrente dell’oro.

Le banche o le aziende che offrono la possibilità di investire in oro fisico non allocato vendono quindi ai propri clienti crediti in oro. L’oro che viene offerto esiste soltanto in parte, e se ipoteticamente tutti i clienti volessero chiedere il prelievo dell’oro fisico, le riserve non sarebbero sufficienti per soddisfare tutti i creditori.

Alcuni investitori ovviano a questo rischio con un compromesso: decidono di investire in oro fisico e di conservare privatamente il proprio investimento. Per quanto ciò sia consigliabile per gli investimenti di piccolo valore, le misure di sicurezza di una camera blindata professionale sono certamente più affidabili per gli investimenti in oro fisico di valore più importante. Non solo: la custodia in una camera blindata professionale può comprendere anche l’assicurazione e mantenere nonostante tutto prezzi estremamente competitivi.

In generale, è sempre consigliabile affidarsi ad operatori specializzati e riconosciuti dalla London Bullion Market Association. La LBMA stabilisce le regole per lo standard Good delivery, e riunisce gli operatori del settore dell'oro che fanno funzionare il mercato ufficiale di Londra.



Fonti:

Guida e storia oro: pagina 1 | pagina 2pagina 3 | pagina 4pagina 5 | pagina 6 | pagina 7 | pagina 8

Commenti

Nessun commento per questo articolo

Lascia un commento

* campo obbligatorio
Nome*:
E-mail*:
Sito:
Testo*: