rss economia
Home >> Cassetto Fiscale >> Spese notarili: perche' i preventivi non sono tutti uguali

Spese notarili: perche' i preventivi non sono tutti uguali

29/GIU/2016 ore 12:17 Cassetto Fiscale 0 Commenti Alessandro Scorrano

Spese notariliLe spese notarili possono sembrare eccessive a chi non ha competenze giuridiche e cognizione delle funzioni e delle responsabilità che esse presuppongono. Saper leggere il preventivo del notaio non solo aiuta a comprendere su quali voci si basa la sua parcella ma anche, e vedremo più avanti come, a risparmiare. Le spese notarili infatti includono una parte “fissa”, dovuta per imposte a titolo diverso, e una che può variare di professionista in professionista e che possiamo definire come l’onorario del notaio in senso stretto, al netto dei costi fissi che esso sostiene per la redazione e la registrazionedegli atti giuridici (pubblici o scritture private autenticate).

Spese notarili: ecco cosa includono e come risparmiare

Il costo del notaio dunque si compone come la somma dell’onorario del professionista più alcuni costi fissi dovuti alle imposte e alle spese notarili dovute per gli atti giuridici. Su queste ultime è abbastanza intuitivo che non ci siano margini di trattativa per il cliente, o potenziale tale, per poter risparmiare perché sono soldi che il professionista incassa a titolo di intermediario per conto dello Stato e che esulano dal suo onorario. Il compenso vero e proprio può variare da professionista in professionista. Il confronto tra due preventivi di notai differenti si baserà quindi intuitivamente su questo ultimo parametro. La crisi economica che ha investito anche il settore immobiliare da un lato, e la concorrenza nel settore dall’altro, hanno fatto si che anche sulle parcelle dei notai possa esserci la possibilità per i clienti di ottenere sconti. Lo spartiacque in questo senso è stato senza dubbio Decreto Legge 24 marzo 2012, n. 27 che ha abrogato le tariffe professionali fino ad allora imposte ai professionisti.

Attenzione però a non sminuire la professione e a diffidare di preventivi palesemente sotto la media. Per comprendere questo ultimo punto è bene avere chiaro in mente che cosa fa un notaio e quali sono le sue funzioni e le sue responsabilità.

Preventivo notaio: cosa c’è dietro le spese notarili

Dietro ad una parcella che sembra esosa quindi c’è un lavoro di cui troppo spesso i non addetti ai lavori sottovalutano l’importanza. Come ha sottolineato sinteticamente il giurista Carnelutti “tanto più notaio, tanto meno giudice”. Questa descrizione riassume perfettamente la funzione del notaio inteso come garante per chi compra o vende casa. Il professionista che esegue il suo lavoro con scrupolosità, accertando ed interpretando la volontà delle parti che concludono il contratto, controllando i presupposti di legge e redigendo in modo conforme alle disposizioni normative le clausole dello stesso, tanto meno ci sarà il rischio di dover ricorrere al giudice per cause legate all’atto.

L’atto redatto dal notaio, essendo costui un pubblico ufficiale, è un atto pubblico e quindi offre tutta una serie di garanzie sulle quali non si può risparmiare. Ciò non esclude che possa verificarsi disaccordo tra cliente e professionista sul compenso richiesto. La legge in questi casi offre ai cittadini la possibilità di chiedere ulteriori chiarimenti sulla parcella rivolgendosi al Consiglio Notarile Distrettuale competente per territorio in cui si sottoscrive l'atto.

Commenti

Nessun commento per questo articolo

Lascia un commento

* campo obbligatorio
Nome*:
E-mail*:
Sito:
Testo*: