rss economia
Home >> Cassetto Fiscale >> Tasse: quanto si può scaricare delle spese di telefonia ?

Tasse: quanto si può scaricare delle spese di telefonia ?

18/SET/2013 ore 13:11 Cassetto Fiscale 0 Commenti Lorenzo Sentino

Scaricare costi telefoniaL’anno fiscale è arrivato già a buon punto, e sono in tanti tra i liberi professionisti e imprese, quelli che nonostante la crisi hanno guadagnato tanto e ricercano costi per ridurre il proprio reddito, in modo da alleggerirne la relativa tassazione.

Una delle spese più controverse è quella della telefonia, la cui deducibilità cambia notevolmente a seconda della professione presa in considerazione.

Secondo l’art. 102 del Tuir i costi di telefonia, sono deducibili dal reddito di impresa, nell’ordine dell’80%. Nei costi rientrano sia l’acquisto o la locazione delle apparecchiature telefoniche, che quelli connessi all’effettivo consumo (bollette telefoniche, ricariche, abbonamenti di telefonia mobile, ecc..).

E’ deducibile ed integralmente anche l’Iva. A tal proposito l’Agenzia delle Entrate sottolinea che, al fine della deducibilità, è necessario che il costo sia inerente rispetto all’effettiva attività esercitata dal soggetto e venga utilizzato interamente per l’esercizio dell’attività.

Il principio di inerenza è fondamentale per comprendere se un costo rientra o meno nell’attività di imprese e quindi può esser considerato costo. Questo rappresenta un concetto generale, quindi non riferito solo alle spese telefoniche ma a qualunque costo sostenuto dal professionista.

Costi deducibili Agenzia EntrateTornando al discorso Iva, qualora il contribuente non sia in grado di scinderne l’utilizzo tra la sua attività professionale e la vita di tutti i giorni, potrà portarne in deduzione il 50%. L’Agenzia delle Entrate, in un intervento del 2008 ha specificato che i controlli verranno effettuati solo su chi mette in deduzione la spesa oltre il 50%.

Discorso similare quello relativo alla telefonia mobile, dove continua a dominare il principio di inerenza. Anche in questo caso qualora il servizio venga utilizzato promiscuamente tra attività professionale e non, è possibile portarlo in deduzione solo per il 50% dei relativi importi.

La regolamentazione quindi è molto semplice, fermo restando che come in altre situazioni ci sono delle particolari eccezioni. La prima riguarda imprese che godono del regime dei minimi, per le quali la deducibilità è del 50%.

Particolarmente vantaggiosa la situazione per le imprese di autotrasporto, per le quali la deducibilità è totale.

Commenti

Nessun commento per questo articolo

Lascia un commento

* campo obbligatorio
Nome*:
E-mail*:
Sito:
Testo*: